2° SICIL FESTIVAL DEL CAMPER

 

Il Secondo Sicil Festival del Camper avrà lo scopo di riunire nell’area naturalistica del Lago di Pozzillo circa 500 equipaggi di camperisti sia Siciliani che di qualunque altra parte d’Italia. Nei tre giorni della manifestazione si svolgeranno alcuni eventi il cui scopo sarà quello di far conoscere le tradizioni locali, l’artigianato, la cultura ed i prodotti enogastronomici della nostra terra.

Allo scopo, saranno invitati:

  • Pro Loco, Uffici Turistici e qualunque altra istituzione che voglia far conoscere il proprio territorio e la possibilità di accedervi e sostare con veicoli ricreazionali (Camper);
  • Titolari/esercenti di strutture ricettive, che vorranno pubblicizzare l’ospitalità della propria zona di riferimento;
  • Artigiani locali che vorranno far conoscere le produzioni da loro progettate e realizzate con l’intento di sostenere lo spirito imprenditoriale del territorio.
  • Operatori Enogastronomici che, all’interno di un mini-villaggio gastronomico, potranno far conoscere le specialità dolci e salate tipiche della nostra terra. Dai formaggi ai salumi, dalle conserve ai dolci.

Ci sarà spazio per una sezione “tecnica” con esposizione di accessori e componentistica per camper alla presenza di alcune aziende operanti nel settore, che potranno fornire i loro consigli ai turisti itineranti.

Ed infine ci saranno anche parecchi momenti di svago con esperte guide che ci porteranno alla scoperta del lago di Pozzillo a piedi, a cavallo, in canoa; si svolgeranno visite guidate di Regalbuto, ci saranno spettacolini di intrattenimento per grandi e piccini.

All’evento si prevede una partecipazione di circa 2000 persone per 500 camper, oltre ad altri convenuti non in possesso di tali mezzi, che saranno i benvenuti e parteciperanno attivamente all’iniziativa.

Valenza culturale e sociale dell’iniziativa
La valenza culturale e sociale trova riscontro nella forte connotazione di sostenibilità che oggi assume il turismo camperistico nel panorama internazionale. Vivere questa tipologia di fruizione dà la possibilità di entrare a diretto contatto con l’ambiente esterno e di imparare a rispettare le regole ed i principi della natura che ci circonda, sviluppando intrinsecamente la voglia di vivere il tutto in maniera sostenibile. Attraverso l’integrazione con l’artigianato e la cucina locale si avrà modo di lanciare un messaggio chiaro relativamente al rispetto dell’ambiente attraverso la rivalutazione delle risorse locali a basso impatto, valorizzando esperienze e sapienze del passato. A questo processo parteciperanno attivamente anche le nuove generazioni, direttamente coinvolte, essendo il turismo campieristico, per la maggior parte, composto da nuclei familiari.

clicca sulla foto per accedere alla registrazione

 

 

 

DICONO DI NOI
  • DICONO DI NOI